Articoli

Conferenza Zichichi

 

DSC 0442

 

Nella splendida cornice di Palazzo Arlotta, Sede dell'Istituto di Cultuta Meridionale e nostra Sede a Napoli, grazie alla eccellente organizzazione del Console avvocato Famiglietti, nostro Delegato per la Campania, il prof. Antonino Zichicchi  ha tenuto  una mirabile  "lectio magistralis" il cui tema è stato "Fede e Scienza". Il salone, luogo dell'incontro, non riusciva a contenere il gran numero degli illustri e competenti  invitati che hanno seguito con particolare silenzio la relazioni del  noto scenziato. La tematica della Scienza, affrontata alla luce di quella Fede che ha animato e sostenuto la vita  dell'esimio relatore, ha avvinto l'uditorio al punto che le ore sono passate con particolare piacevolezza. In particolare, ciò che ha stupito gli astanti non è stato tanto la profonda preparazione dell'illustre ospite quanto la capacità di saper presentare una disciplina così complessa, quale la Fisica,  con sempllicità non comune. Ha introdotto i lavori il Presidente dell'Istituto di Cultura  che nel rivolgere un saluto hai presenti non ha mancato di porgere  un indirizzo di cordialità al Vicario per la Cultura della Diocesi di Napoli e al nostro Rettore, in rappresentanza dell'Associazione.  Affiancavano il prof. Zichicci la professoressa Colao Caldoro, conosciuta dai più come consorte del Governatore della Campania, ma insigne ricercatrice italiana e presidente dell’Enea, ( l’European neuroendocrine association) ed il giovane storico dott. Volpe. Interessante e profondo l'indirizzo di saluto che l'Assessore Regionale  alla Cultura, professoressa Miraglia ha voluto rivolgere all'esimio relatore. Al termine della dotta disseratazione, l'avvocato Famiglietti, ha  invitato Mons. Casolini,  nostro Presidente, a prendere la parola. L'intervento del nostro rettore è stato occasione per  evidenziare e sottolineare la libertà interiore che il professore ha avuto e che sempre ha testimoniato  con coraggio, non sempre apprezzato dal mondo scientifico.  Presenti all'Evento numerosi giornalisti e "Media" della Regione.DSC 0411