News

Strepitoso successo presentazione Onlus


Dopo un attesa di alcuni mesi, puntuale, come preannunciata, è arrivata la presentazione ufficiale dell’”Opera San Silvestro Onlus” , braccio caritativo dell’Associazione Cavalieri S. Silvestro.

 

Alle ore 17.00 il portone dello storico palazzo Brancaccio, ubicato a pochi passi dalla Basilica Papale di S. Maria Maggiore, si è aperto, non solo  alla selezionata cerchia degli appartenenti al Sodalizio ma a quanti, con diverso spirito, ne condividono le finalità.

 

Alla porta, l’impeccabile e severo servizio di accoglienza , che nel verificare le formalità di rito, hanno accompagnato gli ospiti nei vicini saloni di anticamera per gustare un cocktail di benvenuto.

 

Nell’attesa, i molti convenuti hanno avuto modo di scambiarsi i saluti di rito e conoscere i nuovi amici dell’Associazione fino a quando, alle 17.30 sono stati invitati ad entrare nel salone delle feste per dare inizio alla serata vera e propria.

 

A condurre l’evento , con ormai apprezzata capacità ed inconfondibile tratto e simpatia, è stato il presentatore Claudio Testi che, dopo l’immancabile saluto di rito rivolto agli illustri intervenuti, ha ceduto la parola al dott. Daniele Mancini, Ambasciatore d’Italia presso La Santa Sede.

 

Nella sintetica e profonda prolusione di apertura, toccanti e sentite sono state le parole rivolte dal diplomatico all’uditorio presente. L’ Ambasciatore, che tra l’altro è membro del Sodalizio cavalleresco  fin dal Suo nascere, ha sottolineato come in un momento così delicato nella vita del nostro Paese, ove per taluni l’attività nel Sociale potrebbe nascondere finalità non sempre corrette, la nascita del Sodalizio vuole essere un segno di speranza tra persone perbene, unite nell’impegno comune  a fare del bene a servizio di quanti sono nel bisogno.

 

Nell’intervento che è seguito, Mons. Casolini di Sersale ha voluto ringraziare i presenti, evidenziando che l'Opera di S. Silvestro, a differenza del Sodalizio Cavalleresco di San Silvestro, sempre da lui presieduto e che non prevede quote annuali associative, ha lo scopo di essere il braccio caritativo autonomo. Alla Onlus, e quindi ai suoi associati in primo luogo,  è affidato il compito di esprimere e concretizzare la volontà di tutti i membri e simpatizzanti  al fine di  operare il bene, non ha parole ma a fatti concreti.

 

Seguendo la scaletta degli interventi, ha preso la parola il barone Mechi segretario della Onlus che, nel ricordare i diversi appuntamenti in programma, ha sottolineato come il bene compiuto attraverso la Onlus, sarà motivo d’incontro, confronto e crescita nelle annuali manifestazioni riservate esclusivamente a quanti si sono resi protagonisti attivi del bene.

 

A conclusione, non poteva mancare la relazione tecnica della tesoriera, la dottoressa Ottaviana Giagnoli Biallo, che ha tracciato, con incidente chiarezza, le line guida di come poter contribuire fattivamente, delineando i benefici fiscali di cui usufruiranno gli eventuali contributori. In questo intervento supportata anche da comode brochure, all’uopo fatte predisporre e lasciate nella sala in visione dei presenti.

 

Al termine dei brevi interventi, il presentatore ha dato l’ufficiale via all’accesso in sala degli orchestrali , la cui predisposizione ha fatto splendida corona agli sponsor che, successivamente, sono stati invitati a raggiungere il centro del salone per ricevere l’indirizzo di grato saluto del Presidente per la generosa collaborazione che ha reso possibile gran parte della serata..

 

Ha sottolineare l’importanza dell’apprezzato gesto da loro compiuto, mons. Casolini ha fatto coniare un limitato numero di medaglie in oro argento e bronzo che sono state loro consegnate unitamente ad un diploma personalizzato che ne evidenziasse il generoso impegno.

 

Prima di procedere alla consegna, avvenuta tenendo presente l’ ordine di adesione all’iniziativa, un breve saluto e ringraziamento è stato rivolto al dott. Marcello Cola Presidente della BCC di Palestrina per il tangibile contributo a favore dell’orchestra.

 

Di seguito, sono stati chiamati a ricevere la medaglia d’oro per meriti nei confronti del neonato Sodalizio il Dott. Michelangelo PROCOPIO della Banca Euromobiliare, e nostro associato; il dottor Daniele VISENTIN, amministratore della Sofia SRG accompagnato dal dott Marco PROIETTI; il dott. Andrea CAVALIERE della Sintesyscompany e tesoriere ufficiale dell’A.C.S.S. . A seguire, con medaglia d’argento, il Comm Roberto BUFFETTI, da poco entrato nell’Associazione e dall’alto dei suoi novanta anni particolarmente sensibile alle opere caritative, i geom. Roberto MAURI  titolare della RE.I.CO. s.r.l. e la d.ssa Monica MACCHIONI, della Macchioni Communications, assente per motivi personali.

 

Una menzione speciale al Cav. Umberto Masci che con la sua mediazione ha reso possibile l’intervento di alcuni dei partner presenti e la cui competenza di merito lo ha reso idoneo a ricoprire un incarico di cui sarà data notizia in occasione del prossimo evento associativo.

Successivamente, ha avuto inizio l’atteso concerto per orchestra e voci soliste quali il soprano  Arianna Morelli e la vocalist Carla Corsi. L' Orchestra, Accademia Ergo Cantemus”, diretta dal M° Giuseppe Galli. I brani proposti, hanno visto un apertura di classici della storia della musica che sono andati da grandi compositori del calibro di Rossini ed Elgar , per poi passare ad un dovuto omaggio al Maestro Ennio Moricone, recentemente premiato con l’Oscar alla carriera.

 

L’orchestra, la cui presidenza è affidata alla d.ssa luana Frascarelli ed al responsabile  tecnico-organizzativo Roberto Canichella, per motivi di spazio, come ricordato dallo stesso direttore nel suo intervento, ha limitato numericamente gli elementi dell’organico a quaranta unità. Tale assenza numerica, tuttavia, come pure la conformazione architettonica della sala nella quale sono stati chiamati ad eseguire il repertorio, non ha minimamente limitato la resa sonora dei brani eseguiti dai professori e maestri che, con energia e passione, hanno travolto il pubblico suscitando attimi di intensa commozione tradotta in esaltante apprezzamento del colto uditorio.

 

Il concerto si è concluso con il saluto di mons. Presidente che ha tenuto a sottolineare come la generosità nel dare,  sicuramente propria di molti tra i presenti alla serata, deve trovare la sua vera soddisfazione non tanto nel ritorno che si sperimenta nella considerazione delle persone beneficiate, quanto nel sentirsi sereni con la propria retta coscienza che sa di aver agito bene rende conto a Dio Padre di ogni bene!

 

Pertanto, indipendentemente dagli aiuti diretti alla neonata onlus, ogni azione fatta agli altri è altrettanto meritoria e gradita al Signore.

 

La manifestazione è proseguita con un sontuoso banchetto offerto ai presenti nelle splendide sale del palazzo ove gli invitati hanno avuto l’opportunità di stringere nuove amicizie, rinsaldare le antiche, ma soprattutto utili nel progettare il bene da compiersi in avvenire.

 

 

Tra le molte gradite ed autorevoli presenze, oltre quelle del relatore Amb. Daniele Mancini e G. Consorte si sono notate quelle del procuratore generale presso la corte d’Appello Antonio Marini e G. Consorte; del dott Luigi de Ficchy Procuratore capo di Perugia, delle Attrici Maria Grazia Cucinotta ed Isabel Russinova ed il regista Martinelli Carraresi; dell’imprenditrice Federica Balestra e del professor Renzo Tonello e consorte; dell’archimandrita ortodosso P. Kastinas di mons. Ruiz Segretario del Consiglio per la Comunicazione e mons. Paolo Cartolari; di S.A.S. il Duca d. Antonino d’Este Orioles e della baronessa dell’Anno; della marchesa Daniela del Secco d’Aragona; della d.ssa. Sara Iannone; presidente dell’Ass. alba del Terzo millennio, del comm Sebastianelli, presidente del gruppo sbandieratori di Gubbio; l' imprenditrice Anna Maria Branca Ciuffa dello Specchio Economico. Dovuta e gradita  presenza quella del cancelliere dell'ACSS nob. Avv. Giovanni Mascioli e G. Consorte e del  segretario generale Gen. C.A. Bruno Simeone e G. Consorte.

 

Gemellaggio con la Casa Ducale d'Este Orioles

 

Nella vigilia della Domenica delle Palme, giorno che segna l’inizio della Settimana Santa durante la quale si suggella l’Amicizia tra l’Uomo e Dio che sacrifica il figlio prediletto, l’Associazione si è ritrovata per  stipulare il  Patto d’Amicizia con la Serenissima Casa Ducale e Comitale d’Este Orioles.

 

Alle ore 17.00 i numerosi invitati hanno cominciato a prendere posto tra le mura dell’antica chiesa Monumentale di S. Silvestro ove, alle 17.30, la simpatia del noto presentatore Claudio Testi, ha aperto la serata con un caloroso benvenuto ai presenti, per poi cedere la parola al generale dei CC Avv. Domenico Libertini.

 

L’illustre oratore, Gentiluomo dell’Associazione e fecondo scrittore e conoscitore  di materie araldico genealogiche, ha ripercorso, con sintetica chiarezza, le vicende dell’antica Famiglia Ducale dalle sue origini, fino all’insediamento in Sicilia, dalla cui terrà ha origine l’attuale Capo di Nome e d’Arme, S.A.S don Antonino d'Este Orioles.

 

All’ interessante,e qualificata esposizione storica dell'illustre relatore, che ha avvinto l’assemblea, ha fatto seguito l’intervento del cancelliere dell’Associazione, il Nobile avv. Giovanni Mascioli. Il Dignitario dell’Associazione, nel dare lettura del decreto di nomina che concedeva la speciale “Placca, di Merito” al Duca d’Este Orioles, Gran Maestro dell’Ordine di San Contardo e Giuliano né ha ripercorso i meriti. Ci piace ricordare che la “Placca di Merito”, come pure il Collare associativo, sono i più alti riconoscimenti che il Sodalizio conferisce a quanti si sono distinti per sensibilità nei confronti dell'Associazione.

Ultimo a riceverlo, in ordine di tempo, è stato l’Ambasciatore d’Italia presso la S. Sede.

 

Il cerimoniale seguiva con la lettura, da parte del conte Pulvano Guelfi, cancelliere di Casa d’Este Orioles, del decreto di nomina al grado di Gran Croce dell’Ordine di San Contardo e Giuliano di mons. Presidente, nonché, all’elevazione al Rango ducale di Rocca San Marco conferito, motu proprio, a mons. Casolini di Sersale.

 

Questo Atto di evidente amicizia, concretizzatosi anche attraverso lo scambio delle distinzioni proprie delle rispettive Istituzioni, non poteva che essere suggellato dalla firma del gemellaggio vero e proprio al cui termine, mons. Casolini di Sersale ha rivolto un indirizzo di saluto e ringraziamento a Sua Altezza ed  ai numerosi ospiti presenti, provenienti da più parti d’Italia e lagati da vincoli di amicizia e fedeltà ai festeggiati.

 

Nell’allocuzione, il Rettore ha voluto sottolineare come l’importanza delle antiche famiglie italiane che hanno fatto la storia e  di cui visibilmente ancora oggi se ne possono ammirare i frutti attraverso le opere di arte  che ci circondano e che ci hanno lasciato i loro antenati, non risieda esclusivamente  nella grandezza dei Nomi, ma debba trova il suo significato in uno stile di vita all'altezza dei ruoli ricoperti.

 

Ha sottolineato, infatti, che la vera  regalità di ogni uomo risieda, prima ancora che nei nobili natali,  nel cuore di ciascuno e, primariamente, è insita nella grandezza dei  gesti che egli estrinseca nell'agire quotidiano. Tanto più essi  sono sinceri, tanto maggiormente sono graditi a Dio ed apprezzati dagli uomini.

 

All’intervento del rettore, sono seguite le non meno toccanti parole del Duca d’Este che ha sottolineato come in tempi così difficili, l’interesse verso gli antichi ordini cavallereschi, come pure l'appartenenza ad essi, potrebbe apparire  come una  forma  esteriore insignificante , se non la si riconduce ad un autentico servizio nei confronti delle persone svantaggiate,  impegnandosi con lo stesso spirito di servizio che  da sempre è stato al centro dell’interesse dei veri Ordini.

 

Come da programma, sotto la sapiente direzione del M° Giuseppe Galli, è seguito un concerto per orchestra da camera e soprano solista dell’Accademia Ergo Cantemus di Tivoli che ha deliziato il competente uditorio della stracolma chiesa, con un repertorio particolarmente raffinato e vario, reso reso ancor più gradito dalla esperta esecuzione di capaci professionisti le cui note hanno fatto rivivere i fasti di antiche glorie musicali, vissuti nella vetusta Basilica Silvestrina.

 

A conclusione, dopo una breve riflessione sull’importanza di vivere cristianamente il periodo Pasquale, il “padrone di casa” a salutato i presenti per dirigersi con loro nel vicino castello Massimo, oggi trasformato in raffinato hotel,  ove tutti hanno potuto continuare ed approfondire quell’amicizia nata in serata o rinsaldarne delle vecchie.

 

Tra le molte presenze, oltre quelle già ricordate, si sono notate quella della baronessa Loredana dell'Anno, dottoressa  De Luca Mancini, consorte dell'Ambasciatore d'Italia presso la Santa Sede, del dott. Bacheca, Sindaco di Santa Marinella, ove il duca risiede, il  dott. Cola, Presidente della Banca di credito Cooperativo di  Palestrina, dell’attrice Russinova e della marchesa d’Aragona, dell principe Schiavone di Favignana; del Governatore dell’Ordine di Borgogna e della consore donna Ottaviana; della signora Bianca Maria Lucibelli, del procuratore Trifuoggi e consorte, della giornalista d.ssa Senepa e della d.ssa Cattini; dei conti Modulo Morisini e di molti altri illustri ospiti.

 

Un ringraziamento sentito al Cavalier Crimi, responsabile del cerimoniale del Lazio ed al cavalier  Bitonti, del erimoniale di Casa d’Este Orioles.  Sotto il coordinamento del barone Mechi di Salle, hanno reso la cerimonia di gemellaggio un  momento di autentico piacere  rendendo scorrevoli le diverse fasi protocollari e mettendo al loro agio i numerosi intervenuti.

 

A tutti un arrivederci alla prossima manifestazione programmata per sabato 2 aprile a Roma e per la cui adesione si renderà necessario l’accredito secondo le disposizioni già inviate.

 

        

Dall' Australia

Continua la cresciata associativa in Australia

 

Non poteva esser piu’ rappresentativa la presenza di autorita’ alla Cerimonia di Presentazione del Certificato di Benemerenza alla neo-associata Dama Maria Stillone.

L’incontro ha avuto luogo domenica 6 marzo in uno dei piu’ eleganti saloni da ricevimento della metropoli australiana.

            Il Delegato per l’Australia, Cav. Grand’Uff. Giudice Giulio C. Vidoni, presenziando, ha nel suo breve ma significativo discorso menzionato la soddisfacente crescita locale degli associati, toccando non solo le meritorie caratteristiche e contributi socio-culturali della Dama Stillone, ma pure gli alti scopi di promozione cristiana che l’organizzazione stessa si prefigge.

            Sua Eccellenza il Vescovo cattolico Bosco Puthur, accettando l’invito del Delegato ha, anche a nome del Rettore/Presidente Internazionale Mons. Luigi F. Casolini di Sersale, presentato il Certificato alla Dama Stillone tra gli applausi degli astanti.

           In considerazione del sempre crescente numero degli associati Australiani e della vastità del territorio, la Presidenza, su segnalazione del Delegato australiano, sta vautando la formazione di nuove delegazione "Provinciali" il cui incarivo verrà ricoperto da associati particolarmente meritevoli che saranno coordinati dal Grand'ufficiale Giulio Vidoni al quale si deve il particolare merito di aver iniziato l'operosa e formativa attività.

 

 

(Didascalia della foto)

L-R:  On.le Victor Dominello MP, Ministro di Stato per le innovazioni e migliori regolamentazioni;  Cav. Felice Montrone OAM, Presidente della Fondazione Caritatevole “Padre Atanasio Gonelli” nonche’ Cerimoniere di Delegazione; Padre Joshy Parapully, Parrocchia S. Fiacre, Leichhardt;  Senatore Commendatore Francesco Giacobbe, rappresentante degli italiani nel mondo a Palazzo Madama, Roma;  Senatrice Cav. Concetta Fierravanti-Wells, Ministro Federale per gli sviluppi internationali e dell’area dell’Oceano Pacifico;  Cav. Grand’Uff. Giulio C. Vidoni OAM JP, Delegato per l’Australia dell’Associazione Cav. S. Silvestro;  S.E. il Vescovo Bosco Puthur, in visita da Melbourne;  On.le Don Harwin, Presidente del Senato Statale;  Dama Maria Stillone OSJ;  S.E. Cav. Arturo Arcano, Console Generale d’Italia a Sydney;  Rev. Cav. Dominic Ceresoli SC OCF, Cappellano di Delegazione;  Chev. John Stillone OSJ;  On.le John Sidoti, Membro del Parlamento di Stato;  Ex Senatrice e Segretaria Parlamentare del Premier di Stato, Marie Ficarra. 

 

Istituzione "Opera San Silvestro ONLUS"

E’ con particolare piacere e soddisfazione che il Consiglio di Presidenza partecipa a tutti gli Associati ed Amici che, in data 11 gennaio 2016, la competente Autorità ha approvato “L’Opera San Silvestro ONLUS” che, oltre le numerose attività , come da Statuto indicate, sarà il braccio caritativo dell’Associazione che, già da tempo si avvale del CASISS (Corpo Ausiliario Soccorso Internazionale San Silvestro), quale suo braccio operativo.

 

Nel mese di aprile è prevista la presentazione ufficiale, le cui date, luogo e modalità di partecipazione, saranno comunicate per tempo, così pure il percorso e le finalità specifiche che “l’Opera” intende perseguir .

 

Questo importante riconoscimento, di cui si deve merito e ringraziamento ad alcuni dei nostri competenti associati, diverrà sicura occasione per dimostrare concretamente la vicinanza di ognuno di noi a quanti vivono nel bisogno.

 

Ad oggi, infatti, come a tutti è noto, l’Associazione è l’unica, nel territorio nazionale, a non avere quote associative annuali ed il merito dlla riuscita di alcuni eventi oranizzati  va ascritto alla concreta generosià di alcuni appartenenti al Sodalizio la cui sensibilità ha consentito la riuscita delle manifestazioni. (vedasi, ad es., la pubblicazione del libro sulla Sede ed altri eventi culturali e musicali svoltisi negli anni passati).

 

In questa delicata fase di avvio, consapevoli della disponibilità e bontà di tanti di voi, sarà particolarmente gradita ed apprezzata la collaborazione di chi ha già ha già maturato esperienza nel settore .

 

Il nominativo, pertanto, potrà essere trasmesso alla segreteria dell’Associazione che, provvederà, successivamente, a prendere i contatti per valutare l’inserimento del medesimo secondo la propria disponibilità e tempo.

 

L'Associazione cresce...